Logo dell'UIC Logo TUV

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS-APS

 

Testo del Verbale

Data: 22/05/2019

PREVIDENZA E PENSIONISTICA


Verbale riunione Commissione Previdenza e Pensionistica del 22-05-2019
Data: mercoledì 22 maggio 2019
Orario: 15,30-17,00
Modalità di svolgimento: telefonica
Elenco Partecipanti:
Mario Girardi coordinatore
Giovanni Battista Flaccadori referente
Giulia Antonella Cannavale componente
Aldo Corsa componente
Antonio Montanaro componente
Emanuele Ceccarelli segretario
Ordine del giorno:
La riunione della Commissione ha previsto la discussione dei seguenti punti all’Ordine del Giorno:
1. riferimenti del coordinatore di Commissione, Mario Girardi;
persistenza di errori nella liquidazione da parte dell’INPS dei trattamenti previdenziali in favore 2.
di lavoratori non vedenti (pubblici e privati): mancato rispetto delle istruzioni operative di cui
alla circolare n. 73 del 14/04/2017;
comunicazioni dei componenti: notizie dal territorio relativamente alla diffusione e al 3.
recepimento, da parte delle strutture Uici, del documento Linee Guida INPS per l’accertamento
della cecità civile (rif. a comunicato Uici n. 16 del 01/02/2019 e al messaggio in mailing list del
06/02/2019);
4. varie ed eventuali.
Riferimento protocollo lettera di convocazione UICI005205 del 08/05/2019
Verbale della riunione:
Il Coordinatore Mario Girardi si assicura che tutti i componenti siano in collegamento telefonico ed
introduce i lavori, richiamando i punti previsti all’Ordine del Giorno.
Dopo alcune notizie in merito all’assetto attuale dell’INPS, in via di rinnovamento, e ai più recenti
rapporti con le Direzioni Centrali dell’Ente, si passa alla trattazione del secondo punto dell’O.d.g.
Il Coordinatore riferisce che ancora si rilevano errori nella liquidazione dei trattamenti di pensione
di vecchiaia e di anzianità in favore di lavoratori non vedenti, che si vedono corrispondere un
importo di pensione inferiore al dovuto per il mancato rispetto dell’art. 1, comma 209, della legge
n. 232/2016. Il problema è ancora più allarmante per il fatto che, se non intercettati, tali
provvedimenti erronei difficilmente verranno corretti, in modo automatico, dall’Istituto. Con la
conseguenza che i diretti interessati, inconsapevolmente, continueranno a percepire un assegno di
pensione più basso, in modo temporalmente indefinito.
Il Coordinatore lamenta, altresì, che le sedi INPS, a cui viene inviata istanza di ricostituzione e
riliquidazione pensione per la correzione dell’errore, non provvedono tempestivamente al ricalcolo
della prestazione (superando, nella quasi totalità dei casi, i 90 giorni indicati dal Regolamento
INPS); il che costringe gli Uffici della Presidenza Nazionale UICI a reiterare continui solleciti per
l’evasione della pratica.
Su suggerimento del Componente Aldo Corsa, la Commissione matura il convincimento che la
possibile soluzione del problema risiederebbe nella creazione di un Polo Unico INPS specializzato
nella trattazione delle istanze di pensione da parte dei lavoratori non vedenti, con personale formato
sui diversi benefici previdenziali loro spettanti (così come già avviene per i Fondi Speciali I-post,
per i dipendenti Rai e per il clero). Il Coordinatore assicura che si farà portavoce della proposta
presso la Direzione Centrale Pensioni dell’Istituto.
Passando al punto 3. dell’O.d.g. il Coordinatore Mario Girardi chiede quali notizie si abbiano dal
territorio circa il recepimento del documento “Ulteriori istruzioni operative per l’accertamento
della cecità civile”. Tutti concordano sul fatto che tale documento abbia suscitato interesse tra le
Sezioni dell’UICI, perché fornisce, finalmente, tutta una serie di chiarimenti e/o chiavi di lettura
circa la corretta redazione dei verbali collegiali. Sul suo recepimento da parte delle Commissioni di
accertamento ASL e INPS invece, si rilevano delle difficoltà, in merito, ad esempio,
all’applicazione del cosiddetto “doppio giudizio” (alla redazione, cioè, di un verbale di Invalidità
civile, nel quale, per le finalità non economiche, la formulazione della percentuale d’invalidità
tenga correttamente conto anche delle patologie visive, per cui già è intervenuto apposito verbale di
Cecità civile). Certamente, dovrà continuare l’impegno dell’UICI alla sensibilizzazione sul
contenuto di tale documento, per un consapevole recepimento delle linee operative da parte di tutti
gli addetti ai lavori.
Tra le varie ed eventuali, la Commissione torna a riflettere sul problema della chiarezza e
completezza dei verbali di riconoscimento medico-legale della Cecità civile e dell’Invalidità civile
(DM 387 del 5 agosto 1991, art. 1, comma 5; DM del 5 febbraio 1992, punto 4). Questi sono aspetti
che molto spesso sfuggono all’attenzione delle ASL e dell’INPS.
La discussione tra i componenti della Commissione si dimostra molto partecipata, con
l’approfondimento di casi specifici, che presentano peculiarità non semplici da affrontare.
Alle 17,00 è tempo dei saluti, come previsto dalla convocazione.
Null’altro da aggiungere, si redige il presente verbale.
LAPR (EC/ec)
S:\LAVORO E PREVIDENZA\CECCARELLI\COMMISSIONE PENSIONISTICA\22-5-2019\VERBALE.DOC

Download del File del Verbale

Scelta Rapida